Inbound Marketing: cos'è e a cosa serve

Times have changed

L'Inbound marketing è un approccio che consiste nell'attrarre a sé i clienti, offrendo loro informazioni e contenuti per conquistarli, deliziarli e fidelizzarli.

Inbound Marketing: cos’è e a cosa serve?

L’Inbound marketing è un approccio che mira a trovare i modi di attrarre dei potenziali clienti verso un prodotto o un marchio fornendo loro informazioni utili, rilevanti e pertinenti, piuttosto che spingerli ad acquistare, tramite la pubblicità o i venditori. L’assunto di base è il miglioramento dell’esperienza di acquisto a tutto tondo per deliziare i clienti e trasformarli in clienti fidelizzati e leali.

Comprendere la filosofia Inbound

Cos'è l'Inbound Marketing

Volendo semplificare al massimo, l'approccio Inbound consiste nel trovare i modi per attrarre a sé i clienti, deliziarli e trattenerli.
Quindi se volessimo sintetizzare in una sola immagine l’essenza della filosofia Inbound Marketing penseremo ad un magnete.
Nel marketing tradizionale si opponevano le strategie push, che consistevano nello spingere i prodotti verso i clienti, a quelle push volte invece a farli venire a sé con contenuti utili e di valore.

metagorà: marketing digitale PMI e startup - cos'è l'inbound marketing - magnete

Perché l’Inbound Marketing?

 

Da dove nasce l’Inbound Marketing?

Dall’avvento di internet sempre più persone cercano informazioni online. Il numero di ricerche sui motori di ricerca non fa che aumentare ogni anno. Oggi si stima che una persona media faccia da 3 a 4 ricerche al giorno. Ne risulta che i consumatori e gli acquirenti in generale siano sempre più autonomi nelle loro decisioni di acquisto perché maggiormente informati.

I cambiamenti nei comportamenti dei consumatori e degli acquirenti in generale se parliamo di aziende hanno conseguenze per le imprese, in particolare per quanto riguarda le loro strategie di marketing e vendite.
Oggi si stima che il 70% del processo di acquisto venga svolto senza contattare l’azienda e i suoi venditori tramite ricerche attiva di informazioni, in particolare online.

 

Cosa significa per le imprese?

Significa che gli sforzi per conquistare i clienti devono essere adattati a questi nuovi comportamenti. Occorre quindi fornire loro le risposte alle domande che si pongono e ai loro dubbi, tramite contenuti sul sito o sui Social per esempio, ridurre i loro dubbi rispondendo alle loro obiezioni, creare una relazione personalizzata … tutto prima ancora di un qualsiasi rapporto con i venditori.

Differenza tra Inbound e Outbound Marketing?

Contrariamente all’Inbound Marketing che viene anche chiamato “permission” marketing, l’Outbound è un approccio più intrusivo ad iniziativa del venditore. Esempi classici sono le pubblicità che interrompono la visione di un film alla televisione, l’apparizione di un banner in mezzo ad un video o la chiamata di un call center.
L’Outbound è stato l’approccio classico di marketing che disturba cercando di spingere il consumatore verso il prodotto – strategia “push” – piuttosto che attrarlo – strategia “pull” -.

Internazionalizzare. Innovare. Crescere.

Copyright © 2013 – 2022 metagorà 

Note legali:

P.IVA: IT-03391850983

In Lombardia:
Via Papa Giovanni Paolo I, n. 4
I-25085 Gavardo (Brescia)
Cell.: +39 392 0263 071

In Toscana:
Via di Roveta, 15
I-50018 Scandicci (FI)
Cell.: +39 333 7301 883

Iscriviti alla newsletter.

Non mancare i nostri aggiornamenti.

Per trovare nuovi clienti:

Innovare per vendere:

Per rilanciare il business:

Per le startup: